Pagamento quota annuale 2021-22

Si ricorda che la legge di bilancio 2020 indica che le detrazioni diventano possibili solo se pagate con mezzi tracciabili per poter usufruire del risparmio fiscale. Il tetto massimo deducibile è di € 210. Chi volesse usufruire delle detrazioni dovra eseguire il pagamento effettuando un bonifico sul c/c della Società al seguente IBAN IT82E0200812710000100474246
intestato a ASD JUVENTUS CLUB PARMA.
Per maggiori informazioni recarsi in segreteria

 

Accessi

Finora ci avete visitato in 148208.

Link utili

Mission

PROGETTO SPORTIVO 2021-2022
 
Obiettivi etici
La società Juventus Club Parma si pone come obiettivo primario la
formazione dei giovani come persone e come sportivi. L’attività sportiva
ha un’evidente funzione educativa e sociale ed è veicolo attraverso il
quale è possibile apprendere i valori reali che rendono il confrontarsi secondo le regole un’attività divertente e istruttiva. In questa ottica cerchiamo di difendere e di promuovere l’adesione a quei valori etici che ne costituiscono la forza e il senso più profondo. Il riferimento all’etica sportiva è un passo fondamentale e i doveri di lealtà, correttezza e perseveranza sono i requisiti che ricerchiamo in tutti i protagonisti della vita societaria. In particolare gli allenatori, che sono i principali artefici della trasmissione di questi fondamenti ai nostri ragazzi, debbono avere le suddette caratteristiche. Essi, oltre alle qualità specifiche individuali, sono formati anche attraverso incontri mirati per avere consapevolezza dell’importanza del loro ruolo educativo.

Programma formativo
La centralità del programma formativo sono i ragazzi e la loro crescita.
Gli allenatori dovranno cercare con il loro lavoro quotidiano di trarre il massimo da ogni singolo ragazzo venendo  incontro alle singole esigenze, tenendo conto delle molte problematiche che si incontrano nelle varie fasi del loro sviluppo.
Si chiede agli allenatori di evitare giudizi definitivi nei confronti dei ragazzi i cui margini di miglioramento tecnici e caratteriali sono sconosciuti e possono evolvere sia in senso positivo sia in senso negativo. Nessun ragazzo dovrà sentirsi escluso, si dovrà attendere quelli più in ritardo e al tempo stesso si dovrà migliorare ulteriormente quelli più avanti.
I ragazzi devono sentirsi liberi di poter sbagliare, vanno ripresi e corretti con i dovuti modi evitando loro inutili ansie e preoccupazioni. E’ attraverso gli errori che si migliora; per gli allenatori la più grande soddisfazione dovrà essere vedere i ragazzi compiere gesti che settimane o mesi prima non sapevano fare. Si chiede quindi agli allenatori di evitare di “telecomandare” i ragazzi in campo;  si dovranno fornire tante nozioni e conoscenze e si dovrà vedere come saranno in grado di metterle in pratica autonomamente. Ciò contribuirà a formare giocatori “pensanti” che sapranno adattarsi  e risolvere le molteplici situazioni che si presenteranno loro.
Non si chiederà agli allenatori uno schema di gioco comune anche perché non tutte le annate avranno giocatori con caratteristiche simili. Lo scopo è sempre quello di valorizzare le qualità dei ragazzi. Si chiederà una filosofia di gioco comune, un calcio propositivo rispettando le esigenze e la loro crescita.
Nei rapporti fra allenatore e giocatori vanno evitate sceneggiate o urla eccessive anche quando si perde la pazienza; è controproducente e mettono in cattiva luce allenatore e società. Questo vale anche nel rapporto con arbitro e avversari.
I rapporti con i genitori sono demandati ai responsabili; in primis al dirigente responsabile e, in caso di problemi maggiori, ai responsabili tecnici e sportivi.
E’ necessaria la presenza in un giorno a settimana di un preparatore atletico per le squadre dell’area agonistica Si richiede almeno nelle partite casalinghe la presenza attiva del preparatore dei portieri anche alla domenica
E’ indispensabile individuare due genitori per ogni squadra da formare come dirigenti accompagnatori che utilizzino la divisa societaria quando si va in campo (uno alla volta)
Sarebbe utile l’intervento di un nutrizionista almeno un paio di volte all’anno per educare atleti e addetti ai lavori a una corretta igiene alimentare consegnando linee guida da seguire.
Ci saranno incontri periodici fra allenatori e responsabili per verificare e condividere idee e obiettivi.
L’allenatore responsabile, come da regolamento, sarà l’unico durante le partite a impartire istruzioni e a rimanere in piedi durante le stesse. Egli sarà il referente della società e risponderà sulla qualità del lavoro svolto e della corretta gestione della squadra e del proprio gruppo di lavoro
Il materiale sportivo, palloni, cinesini paletti ecc., dovrà essere riposto pulito e in ordine negli appositi contenitori alla fine di ogni allenamento
Verrà fornita una scheda convocazioni da consegnare in sede il giorno prima della gara.
Il rapporto fra mister e preparatore portieri dovrà essere continuo e collaborativo
I giocatori sono patrimonio della Juventus Club e, previo accordo fra allenatori e responsabile, hanno la possibilità, e il dovere,  di giocare nell’annata superiore in caso di necessità individuata dalla società
Gli allenatori sono tenuti a far rispettare il sottostante regolamento atleti

Regolamento atleti
RISPETTO (dei compagni, degli allenatori e dirigenti, del materiale, degli orari, degli avversari, dell’arbitro)
E’ obbligatorio utilizzare il materiale ufficiale per allenamenti, partite e apparizioni pubbliche di rappresentanza
Salutare sempre ogni figura e componente che si trovi nel centro sportivo
Utilizzare il cellulare e le chat del gruppo o della società in modo corretto. E’ vietato l’utilizzo del telefono negli spogliatoi e prima delle partite
Avvisare il mister per tempo in caso di mancata presenza agli allenamenti
Non saranno tollerati comportamenti scorretti, irriguardosi, bestemmie e offese. I provvedimenti conseguenti saranno presi dalla società
Rispettare e trattare come propria la struttura e il materiale fornito dalla società e le strutture che di volta in volta si frequenteranno
Gli atleti parteciperanno in maniera attiva e corretta a portare e sistemare, all’inizio e alla fine della seduta, il materiale e le attrezzature occorrenti per lo svolgimento dell’allenamento
Il giocatore indisponibile dovrà seguire le indicazioni che lo staff gli comunicherà per una miglior ripresa dell’attività e dovrà seguire, ove possibile, la squadra anche se non potrà giocare
Le borse, quando si arriva al campo, dovranno essere collocate in fila ordinatamente. Anche questo è lo specchio di un ordine che non è solo formale ma riflette attenzione e cura per ogni dettaglio.
Il risultato del campo rispecchia ciò che si porta al suo interno e si dovrà rispettare con serenità la sconfitta e con equilibrio la vittoria.

I nostri sponsor

Contatti

Per non dimenticare chi siamo (Natale 2020)

La storia siamo noi (Natale 2021)

Conferimento Stella d'Argento al Merito Sportivo

A.S.D. Juventus club Parma - Strada Chiesa di Fognano 6 43126 Parma
tel 0521 647404 - email: info@juventusclubparma.net
Partita IVA 02946260342 - Codice Univoco M5UXCR1

Sito generato con sistema PowerSport